Presidenziali Usa Hillary Clinton vs Donald Trump campagna elettorale senza esclusioni di colpi

Una campagna elettorale, per la corsa alle Presidenziali della Casa Bianca, senza esclusioni di colpi al veleno fra i candidati, Hillary Clinton e David Trump, è un chiaro esempio come in politica, in qualunque politica, il detto il fine giustifica i mezzi è più che giusto; questa volta le frecce avvelenate partono dall'ex Segretario di Stato Hillary Clinton che, senza perifrasare, accusa il suo rivale, Trump di avere seguaci facenti parte di 'un cesto di miserabili', la cui metà del cesto sono persone sessiste, razziste, xenofobe, omofobe e islamofobe mentre il restante sono persone  demoralizzate e deluse sia dal governo che dall'economia ed è per questo che vogliono un cambiamento radicale alla presidenza della Casa Bianca.

HILLARY CLINTON-DONALD TRUMP
La candidata democratica Clinton in un intervento durante un evento per la raccolta di fondi a New York si è espressa molto chiaramente nei confronti del candidato rivale Trump, dichiarando: 'Trump ha dato voce all'odiosa retorica di questi individui attraverso il suo comportamento in campagna elettorale', aggiungendo:  'Per essere grossolanamente generalista si può dire che metà dei sostenitori di Trump rientra in quello che io definisco il 'cesto dei miserabili'. 'Purtroppo ci sono persone di questo tipo e le ha elogiate  ma non rappresentano l'America'; un clima incandescente, senza esclusioni di colpi bassi e velenosi, fra i due contendenti alla presidenza dell'America che certamente non portano un buon esempio di sana battaglia politica ma un mero show di due personaggi che stanno lottando strenuamente, senza scrupoli, per raggiungere gli appartamenti della White House!

Fonte: IlGiornale

Commenti