Istat dati agosto 2016 stagnazione inflazione economia ferma

I dati di agosto 2016 dell'Istat parlano chiaro, si ha una stagnazione dei prezzi e l'economia sempre ferma, il punto percentuali su luglio 2016 è +0,2%, quindi si evince che i prezzi nel mese di agosto rimangono fermi, subendo un +0,2% su base mensile mentre su base annua si ha -0,1%, restando allineato sul tasso tendenziale di luglio 2016.

In rapporto all'inflazione:
 ciò sta a significare che l’inflazione acquisita per il 2016 è pari a zero. Si registrano flessioni dei prezzi su base annua che raccontano dinamiche che, secondo l’Istat, tendono a compensarsi fra loro: se da una parte cala il prezzo dell’energia (-7,0% in agosto, rispetto ai -8 punti di luglio) e quello dei servizi legati alle comunicazioni (-1,4% rispetto al +0,4% di luglio), dall’altra crescono i prezzi degli alimentari non lavorati (+2,4% sull’1,5% di luglio).

In rapporto ai dati: rispetto a luglio, si nota l’azzeramento della crescita nel settore dei trasporti, che era arrivata a uno 0,7% in più nel mese precedente a quello analizzato; ma sono i beni energetici a continuare a calare, dato che, sebbene la diminuzione dei prezzi su base annua sia stata più contenuta ad agosto rispetto a luglio (-6,5%, contro -0,7%), essa comunque persiste. Sempre su base annua, l’inflazione di fondo scende invece a un +0,4% ad agosto 2016, contro il +0,6% di luglio.

Fonte: Businesspeople
<

Commenti