Squalo della Groenlandia avere 400 anni e non dimostrarli Highlander del Nord Atlantico

Lo squalo della Groenlandia, chiamato dal popolo degli inuit Eqalussuaq, il cui nome scientifico è Somniosus microcephalus è un enorme squalo che vive nelle acque prospicienti le coste della Groenlandia e dell'Islanda, nel Nordatlantico e la sua caratteristica è la longevità, praticamente è l'higlander degli squali con i suoi 400 anni di vita, il loro volume cresce di 1 centimetro all'anno e diventano maturi sessualmente all'età di 150 anni, la sua lenta crescita sarebbe la causa della sua lunga vita; un esemplare può essere lungo fino 6,4 metri di lunghezza, pesando fino a kg. 1000 ma possono arrivare anche fino a 7,3 metri, si nutrono di pesce ma non disdegnano le foche o altri mammiferi marini.

SQUALO DELLA GROENLANDIA
Lo squalo di Groenlandia è anche una fonte alimentare per le popolazioni nordiche di quella zona ma essendo la carne di questo squalo molto velenosa, a causa della presenza in essa di una tossina, l'ossido di trimetilammina, che, se digerita, si scinde in trimetilammina, una sostanza che provoca effetti pari a quelli di una grandissima sbronza. A causa di questa neurotossina, i cani da slitta che si sono nutriti della carne di questo squalo non riescono più a stare in piedi. Tuttavia, se essa viene bollita cambiando spesso l'acqua o se viene seccata e messa a fermentare per alcuni mesi per produrre il cosiddetto Kæstur Hákarl, detto anche semplicemente Hákarl, può essere consumata. Tradizionalmente la preparazione di quest'ultimo viene effettuata seppellendo lo squalo in terreni boreali e lasciandolo esposto a vari cicli di congelamento e scongelamento. Ciò che ne viene fuori è considerato una prelibatezza in Islanda e Groenlandia.

Su questo splendido, longevo squalo si narrano delle leggende inuit, nonostante non sia ritenuto pericoloso per l'essere umano, fra queste gli inuit raccontano che attaccano i kaiak, mentre riguardo alla sua carne velenosa, grazie al suo elevato contenuto di urea, narra un'altra leggenda che Skalugsuak, il primo squalo della Groenlandia. una vecchia si lavò i capelli con la propria urina e li asciugò con uno straccio. Da questo straccio, gettato nell'oceano, ebbe origine Skalugsuak, non ultima è quella di Sedna, una ragazza a cui il padre tagliò le dita mentre stava annegando. Si racconta che ogni dito reciso dette origine ad una creatura del mare, tra cui lo squalo della Groenlandia.

Fonte: Wikipedia-Focus

Commenti