Presidenizali Usa 2016: Trump attacca Obama e la Clinton quali fondatori dell'Isis

Che le presidenziali Usa 2016 siano una guerriglia verbale di attacchi e contrattacchi, dei due pretendenti, ne fa un quadro squallido verso la corsa alla presidenza della Casa Bianca, i toni si sono visti molto accesi, tumulti e incitamento al razzismo nei comizi di Donald Trump, che comunque fa leva sul cittadino insofferente a determinate situazione sociali quali immigrazione, disoccupazione e povertà, e una Illary Clinton che affonda con il suo sarcasmo contro le parole del concorrente non indenne da accuse infamatorie che la videro protagonista quando era segretario di Stato nel Governo Obama; Trump dal canto suo lancia delle accuse, attualmente, decisamente gravi.

HILLARY CLINTON DAVID TRUMP

Donald Trump definisce Barack Obama 'fondatore dell'Isis', mentre per la rivale Illary Clinton l'accusa  'E' la cofondatrice dell'Isis', il tycoon con queste dichiarazioni sottolinea la responsabilità che secondo lui,  hanno avuto nel vuoto che si è creato in Iraq e quale conseguenza riempito poi con l'Isis, con delle politiche non giuste effettuate in illo tempore; tra la violenza verbale di Trump e il sarcasmo della signora Clinton, il cui staff replica: ' Uno che istiga alla violenza non può fare il presidente. Per questo Trump è pericoloso', mentre Tim Kaine, candidato dem alla vice presidenza ha spiegato:  'Quando ho letto le sue parole, francamente non potevo credere lo avesse detto. Sono andato a vedere il video e mi sono reso conto che era esattamente ciò che aveva detto

La corsa alla presidenza Usa 2016 è una realtà di una politica non giusta né sana ma una corsa fatta di personaggi che della politica ne fanno un quadro abbastanza sudicio, fatto di colpi bassi, accuse e quant'altro si legge nelle testate giornalistiche quotidianamente, un quadro deplorevole e squallido a cui il cittadino americano è costretto ad assistere fino alla svolta decisiva che lo vedrà al voto, ma quale sarà la sua sentenza?

Fonte: Ansa

Commenti