Mr. Facebook e la donazione in pubblicità per il terremoto

Mr. Facebook e la donazione in pubblicità per il terremoto

Il viaggio in Italia di Mr. Facebook dove ha incontrato il Presidente del Consigli Matteo Renzi e il Papa Francesco ha scatenato il web per la decisione di Mark Zuckerberg di donare la somma di 500mila euro alla Croce Rossa come aiuto ai terremotati. 

500mila euro di pubblicità da spendere su Facebook. Ecco la donazione di Mark Zuckerberg alias Mr. Facebook. Quindi non soldi veri ma un semplice bonus pubblicitario e nulla di più.

Lo stesso Mr. Facebook ha annunciato che (tramite Huffington Post Italia): “Facebook Italia donerà 500mila euro sotto forma di AD Credits alla Croce Rossa che potranno essere utilizzati nella piattaforma Facebook per promuovere le attività di cui c’è maggior e bisogno: raccolta fondi, ricerca volontari, richiesta di donazioni sangue, mettersi in contatto con le persone che hanno bisogno di un posto dove stare” e inoltre “Quando ho saputo del terremoto sono stato molto triste la prima reazione è stata chiedersi se c’era una qualsiasi cosa da fare per aiutare. Ci siamo chiesti cosa può fare Facebook e la cosa più importante è il nostro Safety Check, con il quale ogni volta che c’è un disastro si può dire ai propri amici che si sta bene”.

Aggiungi didascalia

Tutto qui. 500mila euro di pubblicità da spendere su Facebook. Questa la donazione di Mr. Facebook per la tragedia del terremoto in Italia.

Questa “particolare” donazione ha sollevato un vespaio tra chi applaude all’iniziativa e chi la considera una mera speculazione pubblicitaria e niente di più.

Il patrimonio di Mr. Facebook è di circa 54,5 miliardi di dollari, posizionandolo al 5° posto nella classifica degli uomini più ricchi al mondo. La maggior parte del suo patrimonio deriva da Facebook, poiché è uno dei 5 creatori del famoso social network, quindi la donazione di 500mila euro di pubblicità alla Croce Rossa è semplice pubblicità.

Una semplice mossa pubblicitaria e niente di più. Questa la “donazione” di Facebook alla Croce Rossa.

Commenti