Corea del Nord Kim Jong Un la tragicità delittuosa della violenza sugli indifesi: i cani!

Quando si parla di Kim Jong Un, dittatore violento e guerrafondaio, si parla di una tragicità delittuosa della violenza sugli indifesi e inermi, il cruento tiranno della Corea del Nord ad un popolo, che ha reso affamato, offre la soluzione per non patire la fame: l'uccisione indiscriminata di cani, inneggiando che la carne contiene più sostanze nutritive di un pollo, di un vitello o manzo e lo fa attraverso i media e i canali online DPRK Today, un essere abominevole il dittatore coreano che ha minacciato il mondo con l'invio di testate nucleari, che ha sottomesso un popolo alla sua ferocia e alla povertà che nemmeno si immagina ed ora, secondo il suo malsano pensiero, il cane è il piatto con cui si dovrebbero nutrire i propri sudditi!
KIM JONG UN

La campagna che sta conducendo ha racconti ed esempi per dimostrare quanto la carne di cane sia appetibile e a nulla valgono le proteste degli animalisti della Corea del Sud,  una campagna la cui tragicità fa inorridire per il significato dell'inumanità di questo personaggio che fa molto discutere nel quadro politico internazionale, un personaggio inqualificabile posto alla guida di una nazione impoverita dalla sua egemonia, la cui ultima mossa è proprio quella di uccidere i cani per dar da mangiare un popolo affamato dalle sue pazzie sanguinarie, ultima mossa e quale se non riversare su esseri indifesi come i cani la propria violenza, una vigliaccheria che dimostra tutta la sua sanguinaria volontà di infliggere altri orrori! 

Fonte: IlMessaggero

Commenti

  1. Non capisco come un coglione del genere possa ancora esistere...

    Pazzesco...

    RispondiElimina
  2. purtroppo quando salgono al potere i pazzi e nessuno li ferma abbiamo di questi personaggi qui.. Ariella

    RispondiElimina

Posta un commento